Stucco veneziano cos’è e come si fa

By | 30 ottobre 2017

Lo stucco veneziano conosciuto anche come calce rasata o rasatura, viene spesso preferito alla semplice pitturazione per la sua eleganza e raffinatezza. Le pareti risultano avere uno stile unico e molto particolare. Esse appaiono molto lucide, al tatto si ha la sensazione di un muro estremamente liscio, scorrevole, molto piacevole da vivere. L’applicazione dello stucco veneziano è di competenza di un esperto, che sappia come applicarlo al muro e lavorarlo per avere l’effetto desiderato.

Come è composto lo stucco veneziano

Lo stucco veneziano è composto da minerali di origine naturale, come grassello di calce, polvere di marmo, calce aerea tenuti insieme dall’acqua. È possibile acquistare il prodotto già assemblato nei negozi di hobbistica e ferramenta oppure realizzarlo procurandosi i vari minerali. Essendo composto da polvere minerarie, risulta essere molto traspirante, quindi un muro trattato con stucco veneziano non presenterà muffe né tanto meno batteri, anche se risulta essere facilmente macchiabile se il locale è molto umido.

Come si ottiene l’effetto lucido

Lo stucco veneziano deve essere applicato attraverso l’uso di una spatola piatta. Avendo una consistenza densa, la sua lavorazione richiede dei movimenti circolatori, che stendano la pasta mineraria in modo non creare accumuli o avvallamenti. L’effetto lucido è ottenuto applicando più passate di prodotto. Dopo l’ultimo strato, si lascia asciugare completamente per poter applicare con un panno di lana uno strato di cera d’api.

Qualità dello stucco veneziano

Lo stucco veneziano piace per la sua estetica, gli ambienti risultano avere un fascino d’altri tempi, antico e ricercato, ma a lungo andare si apprezza anche la sua durabilità, resiste ai segni del tempo, alle ammaccature accidentali e allo sbiadimento tipico delle pitturazioni normali.

Come mantenere lo stucco veneziano

La manutenzione è sempre necessaria per avere le pareti sempre perfette e pulite. Ogni anno è necessario lavare la parete con uno sgrassatore diluito con acqua calda, la pulizia deve essere fatta con l’uso di una spugna morbida leggermente umida. Non strofinare vigorosamente e asciugare immediatamente. Infine per conferire la lucentezza tipica di questa lavorazione si può ripassare la cera d’api.

Stucco veneziano fai da te

Lo stucco veneziano può essere realizzato anche dagli amanti del fai da te. Si richiede una certa manualità, ma soprattutto seguire le operazioni nella giusta sequenza. Le pareti devono essere trattate con uno strato di stucco a base di calce, è necessario una prolungata lavorazione con la spatola in modo da rendere la parete estremamente liscia. Questa operazione deve essere fatta per ben due volte. L’effetto stucco veneziano è ottenuto grazie all’applicaizone prima di uno strato di pittura acrilica lavabile e poi di uno strato di stucco. Prima che il tutto si asciughi è necessario lavorare rapidamente la parete, utilizzando una spatola ed eseguendo movimenti semi circolatori verso destra e verso sinistra per avere il giusto aspetto estetico. Il lavoro è completo applicando uno strato di cera d’api lungo tutta la superficie della parete.

Stucco veneziano con pennello

È il metodo più diffuso poiché non richiede competenze tecniche particolari, ma è sufficiente seguire la giusta sequenza delle operazioni. In ferramenta è presente uno stucco già preparato, composto in maniera da poter essere applicato con un pennello a setole dure. La consistenza è densa e richiede una certa lavorazione per l’applicazione uniforme sul muro. Prima che si asciughi è necessario passare la spatola ed eseguire dei movimenti rotatori a 180 Gradi per dare l’effetto tipico dello stucco veneziano. Questo prodotto può essere utilizzato non solo sull’intonaco, viene applicato, anche, su legno e cartongesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *